lunedì 12 settembre 2016

NEVE COSMETICS MUTATIONS PREVIEW

Io ve lo dico, quando ho ricevuto il comunicato stampa della collezione Mutations di Neve Cosmetics mi sono sentita male, ma male nel senso buono del termine. 

Sono stata colpita subito sia dalla gamma cromatica scelta, che è una delle mie preferite, sia dalla perfetta concordanza di ciascun prodotto con gli altri. Tutto è in armonia, ed ogni prodotto si sinergizza perfettamente con gli altri per creare una molteplicità di look diversi. 

Penso che questo sia uno dei fattori che rendono questa collezione un salto di qualità per l'azienda, perché non soltanto è stata curata la qualità del prodotto, ma anche la coerenza interna della collezione. 

Spesso capita che all'interno di alcune collezioni vi siano articoli che non si abbinino bene, ma non in questa. Credo di non essere mai stata cosi appagata alla vista di una collezione completa in tutta la mia vita, senza contare la gioia di averla ricevuta in anteprima e in qualità di tester dall'azienda.

Ad ogni modo, ecco Mutations, in arrivo il 14 Settembre 2016.


Il comunicato stampa recita così:


"MUTATIONS
Atmosfere rarefatte, un futuro onirico ed una modella virtuale.
Tutto questo è Mutations, la nuova collezione Neve Cosmetics.
Mutations è nata da un’idea di fantascienza astratta che trascende genere e provenienza e definisce un nuovo concetto di bellezza.
La modella della collezione è stata creata al computer, miscelando caratteristiche di diverse etnie alla ricerca dell’utopia estetica
Su questo viso dalla bellezza straniante è stato inventato il makeup del futuro e con esso i colori di Mutations. Sfumature pastello virate verso il grigio o esasperate verso fluorescenze opache, il contrario del classico, l’opposto del ‘già visto’
Tutti i colori di Mutations sono studiati per poter essere miscelati e sovrapposti dando vita a nuove tonalità ibride."



L'immagine è molto suggestiva e ricrea magnificamente le atmosfere evocate dal comunicato stampa, sebbene in maniera delicata, magnetica, quasi ovattata.


La collezione consta di 4 matite labbra, 6 matite occhi, 4 ombretti, 1 blush, 1 illuminante ed una palette vuota.



PASTELLO LABBRA





Credo che Neve abbia leggermente modificato la formulazione, e ne sono ben lieta. Oltre che ad un colore intenso, abbiamo un finish che io definirei un matt confortevole.
Definiscono bene, non sbavano,e per quel che ho provato sembrano resistere dignitosamente anche ad una lavata di denti, sebbene si schiariscano al centro labbra. Hanno tutte un'ottima stesura, e la più asciutta è Alternative. Più giù nell'articolo trovate le comparazioni con altri prodotti per labbra, nel caso vi interessino alcuni paragoni.

Dall'alto verso il basso:

Alternative: è un colore particolare, un rosa freddo non troppo squillante, anzi, abbastanza spento. E' un colore molto versatile, che trovo si adatti ad una definizione poco appariscente ma non anonima delle labbra. E' un colore easy che non perde quel tocco in più e penso che sia adeguato  sia come accompagnamento per un trucco occhi forte, che per un look più semplice ma comunque ben caratterizzato.

Experiment: E' un lilla ingrigito, un po' desaturato. Color labbra da moribondo, ma che non ha ancora tirato le cuoia, per intenderci. Mi fa impazzire. Per quanto appaia come un colore difficile da portare, sulle labbra è meno appariscente di quanto si creda. Pensavo che le schiarisse troppo, invece per la mia carnagione chiara e per le mie labbra pallide, è un colore unico. Non appartiene a quella famiglia dei nude-morti, ma neanche a quella dei violoni/grigi che scuriscono le labbra. Una perfetta via di mezzo. E' l'unico che per il momento ho messo alla prova per tutto un pomeriggio fino alla sera, e ha resistito perfettamente. Ancora devo fare la prova pranzo, però.

Delirium: è un color ciliegia/amaranto profondo. Alcune lo definirebbero un colore da sera, io lo definirei un colore con carattere. Non è un classico rosso cupo. Sul mio incarnato chiaro e freddo fa quel classico effetto Biancaneve tipico di questa classe di rossetti.

Confusion: lo definirei un color cioccolato-al-latte sporcato da una punta di rosso freddo e cupo. Possiede una buona intensità, e tutto sommato, sebbene sia un colore caldo rispetto agli altri, è comunque un marrone freddo e rossastro. Non un color mattone.



PASTELLO OCCHI

Come per le matite labbra, e così come abbiamo notato con la collezione Wild Eyes, anche qui la Neve ha operato una riformulazione a favore di una maggiore presa sulla pelle ed una minore "sbrodolosità" (passatemi il tecnicismo). Hanno tutte una bella consistenza ferma, ma comunque ottima da sfumare.

Dall'alto verso il basso abbiamo:

Serendipity: un color tiffany opaco e chiarissimo. Concentrata in un punto mostra tutto il suo bellissimo colore, specialmente se usata come base o come dettaglio in un trucco occhi. Perde un po' nella rima interna: sembra un bianco un po' smorzato. E' comunque utile se si vuole schiarire un po' la rima eventualmente arrossata, dato che , essendo verde, dovrebbe proprio andare a contrastare quel colore. Sul mio occhio lacrimoso, è durata un intero pomeriggio, sbiadendo verso sera.

Paradox: a metà tra il verde petrolio e il grigio, paradox mi sembra un colore estremamente versatile. Scrive perfettamente nella rima interna, dura e penso che sia ottima come base per un trucco occhi. Non vedo l'ora di provarla come base per un bel cut crease. Nessuno l'avrebbe mai detto, vero?

Reversal: E' un bianco che sa di lilla. O un lilla che sa di bianco? Avrei preferito che la nota lilla fosse più accentuata, pur mantenendo il tono pastello. Penso che, comunque, abbia la sua versatilità come base trucco, ma non aspettatevi di vedere molto oltre che il bianco.

Illusion: E' un color albicocca stemperato da molto bianco, che subito mi ha colpito per la sua qualità trasformista. Se concentrato, è un colore davvero originale, con quella nota pastello che ben si adatta ai contrasti forti che amo. Se sfumato, o steso nella rima inferiore, va a schiarire la palpebra e la rima inferiore con delicatezza, come il più tenue dei nude. Questo per la mia carnagione pallida ma non cadaverica. Immagino che sulle ragazze più chiare e più scure di me sia un bel punto originale di albicocca-pastello (ma esiste un colore così?).

Distortion: Lo ammetto, la prima cosa che ho fatto è stata provarlo sulle labbra. E boom, è un vinaccia cupo che ha catturato il mio cuore, più di Delirium. Sul serio, non c'è paragone. Distortion for life. Per gli occhi finalmente ho trovato un'alternativa della matita borgogna che usavo da una vita e di cui ormai non riesco neanche più a leggere il nome della marca. Come le altre, ha una consistenza morbida, sfumabile ma ferma.

Opposite: A metà tra un malve e un lilla, Opposite è un colore bellissimo che mi ha lasciato un serio dubbio. Come lo uso, oltre che come base per gli smoky eyes? Nella rima interna sono solita usare colori più scuri per i miei trucchi super carichi, ma forse può essere un'alternativa colorata alla classica matita marrone chiaro che si usa normalmente nei trucchi veloci da giorno. Devo provare! Intanto, innamoratevene insieme a me. (Ps: ho provato anche questa sulle labbra. Uno spettacolo).






OMBRETTI IN CIALDA

Gli ombretti della collezione sono quattro, e variano in colore, in intensità e in texture. Abbiamo un super satinato, uno con una satinatura più leggera, quasi opaco, e due opacissimi. Consentono dei buoni accostamenti cromatici. I satinati sono tonalità abbastanza calde, dei matt uno è più sul versante neutro, l'altro è freddo-freddissimo.

Dall'alto verso il basso:

Ufo: un bel riflesso borgogna su una base marrone caldo. E' un satinato setosissimo, al tatto sembra velluto. Ha una scrivenza eccellente, ma una satinatura che, sebbene sia la più forte tra gli ombretti della collezione, non risulta troppo sfacciata. E' un ombretto importante che vuole fare da protagonista grazie alla sua stessa satinatura, ma che, se sfumato molto bene, eventualmente potrà anche andare un po' nella piega. Attenzione a non abusarne, però.

Human: è un colore particolarissimo. Su un marrone medio e rossastro, un bellissimo riflesso che io definirei rosa scuro. La satinatura leggerissima consente anche di usarlo perfettamente nella piega, come colore da definizione. Non è vellutato come Ufo, e la sua scrivenza è leggermente più leggera, ma considero questo fattore un pregio, perché consente una stratificazione ed una sfumatura più oculata, più pensata.

Future: Poteva essere un lilla perfetto. Ha una tonalità incantevole. Purtroppo è il meno scrivente della collezione. E' carino nella piega, ma manca di intensità e per questo andrebbe stratificato. Il problema è che è polveroso e, a meno che non ci sia una base veramente molto corposa e chiara, la stratificazione è difficile. Lo swatch sulla mano è stato fatto con molteplici passate di prodotto. Si salva in calcio d'angolo se lo si vuole utilizzare su una base bianca, in maniera molto concentrata.

Robot: E' un bel colore da piega, un grigio neutro morbido e sfumabile. Come human, non ha una scrivenza super-elevatissima ed immediata, è un colore che consente un'accurata trasformazione. Ciò non vuol dire che siano necessarie molte passate per renderlo evidente, anzi. Sulla palpebra si nota immediatamente, alla prima passata. E' molto facile da modulare e da sfumare, e da il meglio di se su un po' di correttore e sul primer. Sconsigliato su basi troppo chiare e corpose, come tutti gli ombretti potrebbe essere difficile da sfumare e vi ritrovereste un macchione insfumabile.







BLUSH E ILLUMINANTE

Dico, ma quanto sono adorabili? E che bel contrasto fanno se posti vicini?

Pill: è un colore davvero adorabile, non saprei se definirlo più un pesca o un color salmone/rosato (aiuto) estremamente pastello e opaco. E' un colore vivace che da un colorito particolare alle guance e consente una perfetta stratificazione e modulazione.

Newton: Mi farei i bagni e la doccia con Newton, molteplici volte. Senza rimorso. Sebbene appaia come un classico bianco shimer, ha un sottotono lilla che risulta più manifesto se sfumato accuratamente. L'ho usato come ombretto, come illuminante nell'angolo interno e sull'arcata sopraccigliare, come illuminante sugli zigomi e sull'arco di Cupido. E' bellissimo, scrivente, sfumabile. Per me è uno dei pezzi più particolari della collezione e non posso far altro che parlare bene di lui. In coppia con Pill, crea un bellissimo contrasto caldo/opaco-superfreddo/shimmer che, sebbene abbia davvero poco di naturale, è subito futuristico. Nelle fotografie seguenti potete vederlo applicato sulle matite labbra e sulle matite occhi, così come l'azienda suggerisce di fare con tutti i pezzi della collezione.







NEWTON + MATITE







COMPARAZIONI LABBRA

Experiment
Iniziamo con le comparazioni labbra, precisamente da Experiment.
Da sinistra a destra:
L'oreal Color Riche 255
Kiko 915 Smart Lipstick
Lillalab Rossetto Matt 05
Essence Long Lasting Lip Liner 07 Plum Cake
Shaka Matita Labbra n2
Kiko Smart Lip Pencil 715
Neve Cosmetics Pastello Invidia
Neve Cosmetics Pastello Experiment
La Splash Lovestruck Liptint
Come vedete, confrontato con altri lilla (come Invidia), sembra immediatamente più beige e spento. Confrontato con Lovestruck, che pensavo gli assomigliasse, è più chiaro e meno viola. Quella che forse gli assomiglia di più è la matita labbra Shaka, che è più satinata e fredda.





Alternative
Alternative è un altro colore che mancava completamente nel mio stash.
Da sinistra verso destra:
Neve Cosmetics Duobaci Mermaid
Sleek Petal Longlasting Lipstick
NYX Istanbul Soft Matte Lipcream
Essence Wear Berries! 09 Lipstick
Essence 07 Cute Pink Lip Pencil
Neve Cosmetics Alternative
Il colore che gli si avvicina di più è la matita essence, che però è più rosa, fredda e intensa come colore. Le assomiglia anche come consistenza. Opaca ma comunque confortevole. Per il resto, nulla di interessante. E' un colore abbastanza inusuale nella mia collezione ed è anche quello che forse mi serviva maggiormente.






Delirium

Sarò sincera, appena visto Delirium pensavo fosse simile al pastello Sfilata, stesso di Neve Cosmetics. Niente di più falso.

Da sinistra a destra:

Neve Cosmetics DueBaci StoryTeller
Kiko 914 Smart Lipstick
Covergirl 360 Euphoria
Rimmel Kate Lipstick 09
Mac Captive (forse avrei dovuto confrontarlo con il pastello precedente xD)
Kiko Smart Lip Pencil 709
Kiko Smart Lip Pencil 711
Mac Rebel Lipstick
Neve Cosmetics Pastello Sfilata
Neve Cosmetics Pastello Delirium
Sfilata è molto più fredda, quasi di un fucsia cupo in confronto, mentre Delirium è molto più rossa, sebbene non sia un rosso classico bensì un rosso freddissimo, cupo, con una punta di ciliegia. Il rossetto della Rimmel sembra appartenere alla stessa gamma cromatica, ma è meno cupo e più squillante. E' anche più cremoso. Il rossetto della Covergirl si avvicina più come tono, ma meno come finish (è quasi satinato, mentre Delirium è opaco).






Confusion

E qui viene il bello. Come classificare Confusion?

Da sinistra a destra:

Neve Cosmetics Vernissage The Lady Of Shalott
Mac Film Noir Lipstick
Mulac Wonka Wacky Lipstick
Neve Cosmetics DueBaci Virgin 
Neve Cosmetics DueBaci Treasure
Milani Matterialistick Liptint
Wet n' Wild Cinnamon Spice
Neve Cosmetics Pastello Confusion  
Confusion non è simile a nulla che possedessi. Ha quel tono rossiccio che lo porta lontano dai DueBaci precedenti (uno di un marrone/beige grigiato, l'altro più chiaro e dal sottotono pescato), ma anche dalla freddezza di Film Noir, sembra strano a dirlo, di Wonka. Forse l'unica tonalità che gli si avvicina di più è il Vernissage, che è più rosso e, ovviamente, varia in finish (è un gloss).






COMPARAZIONI OMBRETTI

Ufo

Da sinistra a destra: 

Neve Cosmetics Compilation
Neve Cosmetics Coral Reef
Nabla Grenadine
Nabla Juno Moon
Nabla Domina
Neve Cosmetics Ufo
Pensavo che Ufo fosse similissimo a Domina di Nabla, e non mi sbagliavo. La differenza è che Domina è un pelo più scuro e più freddo, meno borgogna e leggermente più shimmer. Sugli altri non c'è molto da dire, sono mondi completamente differenti. Se avete Domina, penso sia un doppione non necessario. In ogni caso è molto bello.





Human

Per Human è stato impossibile trovare un elemento di paragone, che pure pensavo di avere. Tutti troppo rosa o troppo arancio. Ecco perché penso che diventeremo subito amici io e questo ombretto.

Da sinistra a destra:

Kiko Infinity Eyeshadow 210
Kiko Infinity Eyeshadow 226
Zoeva Warm Spectrum Palette
Neve Cosmetics Human







Future

Anche Future è stato difficile da "dupare".
Nella gamma dei lilla è meno freddo di quanto mi aspettassi, ed è uno dei più chiari che io possegga, nonché, purtroppo, il meno scrivente.

Da sinistra verso destra:

Inglot Freedom Square Eyeshadow 39
Inglot Freedom Square Eyeshadow 320
Finis Terre Lilac
Neve Cosmetics Future






Robot

Da sinistra verso destra:

Sleek Makeup Vintage Romance Palette
Zoeva Warm Spectrum Palette
Kalentin Sri Lanka Eyeshadow
Neve Cosmetics Robot

Pensavo che Robot fosse un colore abbastanza comune, invece, per l'ennesima volta, nulla di simile nel mio stash. Devo dire che mi piace molto, sia come scrivenza che come punto di grigio, non troppo freddo.






COMPARAZIONE BLUSH

Pill

Eccoci arrivati al blush.

Da sinistra a destra:

Mels 02 blush
Essence Rebels 01 Peach Punk
Neve Cosmetics Monday Rose Blush
Neve Cosmetics Tuesday Rose Blush
MUA Blush Perfection Cream Blusher Bittersweet
Neve Cosmetics Pill

Devo dire che pensavo che Pill fosse similissimo a Tuesday Rose della stessa marca, ma mi son dovuta ricredere: sono molto differenti. Pucciando un po' tra i miei blush corallosi/pescati non mi è sembrato di trovare nessun degno dupe, né tra quelli compatti, né tra quelli in polvere, né tra quelli in crema





COMPARAZIONE ILLUMINANTE

Newton

Considerato l'alone rosato che sembra irradiare Newton, pensavo di paragonarlo agli ombretti duochrome in mio possesso.

Da sinistra a destra:

Neve Cosmetics Jellyfish
Nabla Madreperla Eyeshadow
Nabla Pegasus Eyeshadow
Neve Cosmetics Newton

E' così che mi sono resa conto che Newton, effettivamente, non è un duochrome. E' ciò che in inglese chiamerebbero solid color. Un colore piatto. Credo che il fatto che irradi una perlescenza rosata sia dovuto al colore globale del prodotto, che interamente vira al rosa, piuttosto che ad un sovrattono o un sottotono. La differenza con gli altri ombretti, cromaticamente più complessi, è abissale. Ad ogni modo trovo che sia un illuminante adorabile ed alternativo, da usare per un leggerissimo shift di colore ed un highlighting meno naturale e più innovativo.


Sfortunatamente non ho ancora paragoni utili per le matite occhi, forse perché ne uso poche e non ho una grande collezione e una vasta conoscenza in merito. Ad ogni modo, qualora dovessi trovare qualcosa con cui confrontarle ci aggiorneremmo.


Ed ecco qui il primo look fatto con la collezione. Ho iniziato con qualcosa di semplice, giusto per prendere confidenza con i prodotti. Sugli occhi ho tutti gli ombretti, sulla rima inferiore la matita Serendipity e Distortion. Sulle guance blush e illuminante e sulle labbra Experiment. Il contouring è stato realizzato con l'ombretto Robot.


Non vedo l'ora di fare un look che possa rappresentare al meglio lo spirito di questa collezione!




CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

In conclusione, penso sia una collezione davvero carina, con dei pezzi che secondo me sono imperdibili ed altri, invece, di cui potete fare a meno se avete già delle alternative simili.
I pezzi imperdibili per me sono le pastello labbra Experiment e Confusion (sono certamente i colori più originali), le pastello occhi Serendipity, Distortion e Opposite, l'ombretto Human, l'illuminante Newton e il blush Pill. Ci sono alcuni prodotti che penso siano utilissimi e sono contenta che Neve ora li produca (le pastello Paradox, Reversal ed Illusion), oppure il resto degli ombretti, ma sono anche più facili da sostituire e, se possedete già qualcosa di simile, non credo sia necessario acquistare anche quelli. Nel complesso sono molto soddisfatta di quello che Neve sta facendo e soprattutto sono contenta del ritorno delle cialde! Amo gli ombretti minerali, ma amo di più quelli in cialda, se devo essere onesta. Le mie preghiere sono state ascoltate! (occhi a cuoricino sbrilluccicosi)

Non conosco ancora il prezzo dei singoli pezzi, ma credo che per ogni tipologia di prodotto si applichi lo stesso prezzo di quelli già presenti sul sito.
Pastello occhi: 4,80
Pastello labbra; 4,80
Ombretti in cialda: 4,20
Blush in cialda: 4,20
Illuminante in cialda: 4,20
La palette, invece, dovrebbe costare 5,90.

Fate attenzione alla promo lancio dal 14 al 27, perché in genere i prodotti sono scontati!

Che ne pensate, acquisterete qualcosa?

Fatemi sapere con un commento!

Un bacio,

Valeria

5 commenti:

  1. La collezione è completa e i colori sono belli ma già in passato sono rimasta delusa dalla durata e dalla pigmentazione delle matite (soprattutto occhi) e delle cialde arcobaleno di Neve. Vedremo in bio profumeria come si comportano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti precedentemente le matite Neve non spiccavano certo per durata e resistenza....anche se ora intravedo dei passetti verso una direzione migliore!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Grazie per la recensione, la più completa e dettagliata vista finora :)
    A me incuriosiscono molto Newton, Human, Ufo delle cialde, delle matite invece i due pastello occhi che in realtà sembrano più dei pastello labbra :D

    RispondiElimina