lunedì 18 maggio 2015

When in doubt....add a little bit of contour! NEVE COSMETICS CONTOURMANIA PREVIEW

Buon giorno, pupe!

Sono stata un po' impegnata, ma ecco qui anche il mio articolo di preview sulla nuova uscita Neve Cosmetics, che sarà online a partire dal 20/05/2015.

Oggi parliamo di un matitone dalla doppia funzionalità che ci permette di realizzare con poche mosse un po' di sano contouring.

L'azienda scrive questo:

"CONTOURMANIA
natural face sculpting contour + highlight pen by Neve Cosmetics
Il contouring è un’arte che usa luce ed ombra per evidenziare la bellezza.
Il contouring è la chiave dei look scolpiti da sfilata e dei makeup perfettamente bilanciati delle star del cinema.
Il contouring cambia tutto.
Noi abbiamo cambiato il contouring.

Con CONTOURMANIA finalmente il contouring è:

FACILE
Mina chiara per le luci, mina scura per le ombre.

VEGAN E SENZA SCHIFEZZE
Per chi vuole il contouring anche tutti i giorni senza stressare la pelle.

UNIVERSALE
Colore modulabile studiato per fondersi perfettamente con qualunque carnagione.

PORTATILE
Il contouring in tasca: il potere di luci ed ombre in confezione praticissima e compatta.

A suo agio nei backstage degli shooting fotografici come nella più piccola delle borsette, CONTOURMANIA è sempre pronta a scolpire i volumi del viso per intensificarne la bellezza.

Come? Basta usare la mina scura per creare ombre dove si desidera simulare rientranze (piega dell’occhio, guancia, doppio mento…) o affinamento (lati del naso, curva mandibolare…), e la mina chiara per portare in fuori ed esaltare il volume delle zone che preferiamo più sporgenti (centro della fronte, zigomo alto, centro delle labbra) o meno infossate (rughe naso-labiali, occhiaie, arco sopraccigliare). CONTOURMANIA si sfuma facilmente sia a pennello che con le dita.

Quanto? CONTOURMANIA è sfumabilissima e modulabile. Adattala alle tue esigenze di look: appena un accenno prima del fondotinta per un effetto leggerissimo e appena percettibile, oppure a fine trucco per ottenere volumi scolpiti perfetti per shooting fotografici e video.

Quando? CONTOURMANIA debutterà su www.nevecosmetics.it il 20 maggio 2015."





*PICCOLA PARENTESI (NON TROPPO) POLEMICA SUL CONTOURING*
Vi consiglio caldamente di saltare questa parte se siete interessate unicamente alla presentazione del prodotto xD

*Il contouring è una tecnica che, tramite l'utilizzo di prodotti in crema o in polvere appositi, consente di definire i volumi del viso e correggerne eventuali "difetti" di struttura andando ad illuminare determinate aree e scurirne altre. 

Questa tecnica non va confusa con la semplice stesura del bronzer, che serve unicamente a "riscaldare" l'incarnato e dare un effetto più abbronzato: per un buon contouring è necessario che la il prodotto scelto sia adeguato sia in intensità che in tonalità alla propria carnagione . Lo scopo è , infatti, quello di creare delle ombre che appaiano effettivamente  quelle che assumerebbe naturalmente il nostro viso , andando a dare un effetto verosimile, "naturale".
(NB: sono autodidatta, perciò vi spiego quanto IO ho capito e appreso, non prendete assolutamente queste sentenze come delle direttive assolute!)

La mania del contouring (prima una tecnica conosciuta per lo più ai soli professionisti del settore) si è diffusa a macchia d'olio negli ultimi anni, e sempre più aziende producono prodotti che ci consentono di metterne in atto in principi. 

In rete, ultimamente, ho sentito molte critiche relative alla moda attualmente in corso. Non molte truccatrici e blogger più esperte sono d'accordo con la diffusione di questa tecnica ai non professionisti, poiché spesso i risultati possono essere disastrosi se operati da persone che non ne conoscono la teoria, la tecnica e , affidandosi unicamente ai foto-tutorial trovati in rete, non sono in grado di scegliere la stesura del prodotto e la forma che sia più adeguata al proprio viso. 

L'inesperienza e la non professionalità , infatti, possono far si che un certo tipo di viso, se non truccato adeguatamente, possa essere non valorizzato , e forse addirittura peggiorato.

Spesso è stato aggiunto, inoltre, che queste tecniche specifiche andrebbero mantenute di nicchia, e dovrebbero essere note perlopiù ai professionisti, onde evitare il dilagarsi di una tendenza pervasiva e, soprattutto scorretta. 

Sebbene io sia d'accordo con la prima parte del ragionamento, ovvero quello per cui l'inesperienza può causare danni e far si che le persone si trucchino in maniera inadeguata ai propri colori e lineamenti, mi permetto di dissentire dalla seconda parte del ragionamento, secondo il quale alcune tecniche  (e, di conseguenza, alcuni prodotti specifici) dovrebbero restare appannaggio di pochi professionisti. 

Trovo che questo sia un ragionamento scorretto alla base, poiché potrebbe essere esteso e generalizzato a qualsiasi ambito del makeup. Portandolo all'estremo, nessuna donna alle prime armi dovrebbe truccarsi perché all'oscuro delle mirabolanti tecniche note solo agli esperti del settore. 

 Questo pensiero contraddice addirittura lo scopo didattico di parte degli articoli pubblicati precedentemente da alcuni degli stessi blog dai quali ho visto muoversi queste critiche. Non è inutile e scorretto attrarre coloro che sono desiderosi di imparare a truccarsi se poi si ritiene che parte delle tecniche debbano essere ignote ai più al fine di preservare l'elitarietà dei professionisti e di evitare che la gente esca di casa con un trucco che non la valorizzi? 

E' ovvio che , se se ne presenta l'occasione, la stessa donna alle prime armi che prova a truccarsi da sé e che non sempre riesce a valorizzarsi , sceglierà un professionista che l'aiuti a truccarsi al meglio in un'occasione particolare.

Un discorso a parte, tuttavia, meriterebbe la tendenza delle aziende a cavalcare l'onda del successo di un determinato trend, producendo prodotti ad esso correlati con i quali attrarre facili acquirenti e contribuendo all'ulteriore diffusione della moda. L'industria, ovviamente, funziona così.

Ritornando a noi, ognuno dovrebbe sentirsi libero di truccarsi a proprio piacimento, di fare un percorso fatto di sbagli e piccole e graduali conquiste senza sentirsi rivolgere commenti sprezzanti. Ricordo che fu la stessa questione quando si diffuse la moda delle sopracciglia più folte. Come al solito, la moda venne estremizzata e spesso alcune persone ridisegnavano le proprie sopracciglia in maniera molto marcata, cosa che spesso stonava con i lineamenti della persona stessa. 

Per quanto il risultato di alcuni makeup  possa apparire sgradevole agli occhi di alcuni ( sia per l'inesperienza, e dunque per una incapacità di mettere in pratica alcune tecniche, sia per i gusti diversi dalla massa nella scelta dei colori e delle forme), credo che l'importante sia il benessere della persona che si trucchi, la possibilità che quel tipo di trucco la faccia sentire bella. Non è, forse, quello che le paladine del trucco sostengono? Spesso la filosofia che viene sostenuta ( e con la quale sono pienamente d'accordo) è che  non importa come ci si trucchi, quali siano i propri gusti e quale il proprio grado di abilità: l'importante è che sia una cosa che ci faccia sentire bene e a nostro agio.

A questo punto, però, mi chiedo: se la gran parte delle persone che pubblicano in rete tutorial, foto-tutorial, articoli pseudo-didattici sostenendo di voler aiutare le persone a truccarsi, ad esprimere se stesse, e a valorizzarsi  ritiene che alcune tecniche non debbano essere diffuse, a che scopo pubblicare questi contenuti se poi successivamente si critica chi li mette in pratica con una minore esperienza ? *


Fine parentesi polemica xD

CONTOURMANIA è un prodotto che cerca, in un'unica soluzione, di accontentare coloro che necessitano di un prodotto da borsetta, pratico e comodo per scolpire il proprio viso "al volo" (ovviamente avrete bisogno anche dell'ausilio uno o due pennelli viso a setole fitte che vi consentano di sfumare il tutto!) . A suo modo, è una trovata che ritengo abbastanza intelligente. Permette di passare rapidamente dalla parte scura alla parte chiara senza aprire e cambiare più prodotti . Secondo me, tuttavia, questo escamotage presenta anche delle problematicità. Andiamole ad esaminare!





Primo:  essendo cremoso e morbidino, si consuma facilmente. Questo non sarebbe un problema  se fosse stato prodotto in stick o un cialde contenenti una dose massiccia di  prodotto. La soluzione double face, la ridotta grandezza della mina, la necessità di utilizzarla su vaste aree del viso implica che il prodotto si esaurisca velocemente. L'ho usata una volta sulla mano e un paio di volte sul viso e già ho dovuto temperarla .


Secondo: il colore. CONTOURMANIA è stata prodotta in un unico colore che, secondo l'azienda, dovrebbe adattarsi a tutti gli incarnati. Sbagliato, è abbastanza caldino. Per quanto non mi dispiaccia il sottotono giallino dell'illuminante, che sembra adattarsi senza troppi problemi al mio incarnato, la parte scura mi lascia un po' perplessa, almeno sulla mano. E' marrone c... ioccolato al latte. Per non dire altro. xD Penso che sarebbe stato adeguato farne più versioni  (chiara, medio-chiara, media e scura) e soprattutto smorzare la componente calda. Ricordiamoci: dobbiamo scolpire il viso creando delle ombre, simulando assenza di luce in alcune zone e presenza di luce in altre, non dobbiamo riscaldare il colorito come se fossimo abbronzate. Per questo c'é, appunto, il bronzer. Andrebbero inoltre distinti più sottotoni, oltre che le intensità... ma insomma, non si può volere troppo da un prodotto unico che cerca di accontentare le masse.



Qui vediamo degli swatches comparativi con altri prodotti in crema che posseggo: Eos e Artemide di Mulac.  Non ne ho ancora pubblicato la recensione, ma vi anticipo che, rispetto a CONTOURMANIA, sono creme più "secche", più fredde (il marrone è quasi un taupe) e più omogenee nella stesura.

Qui vedete tutti i prodotti sfumati un po' con il dito.

Una nota positiva è che, sebbene inizialmente si presenti disomogeneo e forse eccessivamente cremosetto nello swatches sulla mano, una volta sfumato sul viso non da problemi. Anzi, forse permette un contouring più leggero e naturale, andando ad evitare effetti troppo marcati e netti. 

Vi allego alcune foto scattate con il cellulare di una prova veloce fatta prima di uscire.












Sebbene la qualità della foto sia bassa, si nota che la parte scura è forse un po' caldina per la mia carnagione. Ritengo, tuttavia, che una volta sfumato bene l'effetto non sia così orribile come si prospettava nelle foto sulla mano. Onestamente non mi è dispiaciuto affatto e non credo che sia un pugno in un occhio. Ovviamente il colore delle creme potrebbe essere assolutamente inadeguato per le persone più fredde di me (dicono che io sia un'estate assoluta, armocromaticamente parlando) , ma allo stesso modo potrebbe adeguarsi a coloro che posseggono un colorito più caldo.Io vi suggerisco di andare nei negozi fisici a provarla!

In molti, inoltre, si ponevano la questione della compatibilità di questo prodotto con gli altri prodotti per il viso (fondotinta , correttore minerale ecc) dell'azienda, ed effettivamente anche io me la sono posta. Aggiungere un prodotto in crema sul fondotinta in polvere di Neve sembra assicurare l'effetto pastone. Una soluzione, per rimanere nell'ambito dei prodotti Neve, potrebbe essere quella di stendere una leggerissima base di crema+fondo per creare una sorta di BB cream che uniformi l'incarnato, e successivamente andare di CONTOURMANIA. Potreste fissare il tutto, come ho fatto io, con la cipria Kalahari per la parte scura e con la cipria Dewy per la parte chiara.
Io utilizzo i fondotinta fluidi (attualmente uso l'Healthy mix di Bourjoirs) , quindi non mi sono scandalizzata più di tanto, ma effettivamente bisognerebbe pensare anche a coloro che usano abitualmente il fondotinta minerale di Neve e che vogliono avere l'opportunità di poter usare la nuova uscita. Avanti, Neve, produci una linea di fondotinta fluidi *_* mi raccomando, che siano discretamente coprenti! Dai, dai ,dai!

Per una recensione dettagliata se ne parlerà in seguito, prima voglio testarne per bene la durata (che già da adesso, però, non mi sembra male!)

Fatami sapere la vostra opinione su CONTOURMANIA!


Tanti baci,

Valeria.




4 commenti:

  1. Sono assolutamente d'accordo con te con tutto il discorso di base sul contouring. Penso che non debba restare una tecnica "di pochi" e se poi queste critiche vengono proprio da chi dei tutorial ha fatto il suo marchio di fabbrica sinceramente la cosa mi fa ridere.....credo però che tutti i foto-tutorial presenti nel web sul contouring pesante possano più portare le persone meno esperte a fare errori che a migliorarsi nella tecnica, ma anche se si dovesse sbagliare e il risultato essere troppo pesante o non adatto alla forma del viso esistono gli struccanti, stiamo sempre parlando di una cosa che in pochi gesti può essere rimossa quindi viva la sperimentazione....
    Per il prodotto in se sinceramente non nutro tantissimo interesse, sia perchè ho già un prodotto che mi soddisfa sia perchè effettivamente non lo trovo cosi universale come credono quelli di Neve...ammetto che poi il risultato su di te non sia male però se proprio avessi dovuto scegliere un colore universale lo avrei comunque scelto più freddo di questo...però ammetto che è un prodotto studiato per essere il più pratico possibile e l'idea di base non mi dispiace affatto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che tu condivida la mia opinione! Onestamente tutto questo scaldarsi per un po' di contouring, (che sia fatto male o meno, che sia ritenuto erroneamente una tecnica moderna o invece che si conoscano le sue origini) mi ha lasciato un po' perplessa XD <3 Bacini :*

      Elimina
  2. Brava tesoro sempre molto sincera ! Io sono neutro calda e usata con un fondo giallino è perfetta. La devo provare con qualcosa di neutro per vedere se risulta adattabile o troppo calda. Mi piacerebbe tanto provare i mulac ma njlla per ora :(

    RispondiElimina